Tumore al Pancreas: La Speranza Arriva Da Nuovo Studio

Hai mai avuto una diagnosi di tumore al pancreas? Se sì, sai quanto può essere scoraggiante e preoccupante. Fino ad ora, le opzioni di trattamento per questo tipo di cancro erano limitate e le probabilità di sopravvivenza a 5 anni erano solo del 9%. Tuttavia, uno studio clinico recente sta aprendo nuove speranze per i pazienti con tumore al pancreas.

I ricercatori hanno scoperto che un nuovo farmaco sperimentale, quando aggiunto alla chemioterapia standard, può quasi raddoppiare il tasso di sopravvivenza a 5 anni. Se i risultati di questo studio saranno confermati, significherà che per la prima volta abbiamo a disposizione un’opzione di trattamento in grado di cambiare radicalmente la prognosi per molti pazienti con tumore al pancreas. La strada è ancora lunga, ma questa scoperta accende una nuova luce di speranza.

Tumore al pancreas
Tumore al Pancreas

Nuovo Studio Co-Guidato Dall’Università Di Verona Per La Diagnosi Precoce Del Tumore al Pancreas

Per diagnosi precoce di un tumore al pancreas, è fondamentale sottoporsi a controlli regolari se si rientra in categorie a rischio. Un recentestudio co-guidato dall’Università di Verona e dall’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano ha esaminato 679 soggetti sani ma con familiarità o predisposizione genetica per il carcinoma pancreatico.

Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista The American Journal of Gastroenterology, ha portato all’individuazione di un adenocarcinoma precoce e 8 adenocarcinomi in fase iniziale, oltre a 6 tumori neuroendocrini e altre neoplasie non pancreatiche. Grazie ai controlli periodici con risonanza magnetica o ecoendoscopia, è stato possibile diagnosticare queste lesioni in persone asintomatiche.

I partecipanti allo studio facevano parte del registro IRFARPC, il registro italiano dei soggetti a rischio di carcinoma pancreatico. La sorveglianza attiva di queste categorie a rischio è fondamentale per individuare lesioni tumorali o pre-tumorali quando ancora asintomatiche e potenzialmente curabili.

Come sottolinea il professor Salvatore Paiella, docente di Chirurgia Generale dell’Università di Verona e co-autore principale dello studio, “la diagnosi precoce è cruciale per migliorare la prognosi in pazienti con carcinoma pancreatico”.

Questi risultati confermano l’importanza di programmi di screening per categorie a rischio, che consentono di diagnosticare il tumore pancreatico in fase precoce e aumentare le possibilità di intervento chirurgico con intento curativo. La sorveglianza dovrebbe essere riservata ai soggetti con mutazioni genetiche note per aumentare il rischio di carcinoma pancreatico.

Lo Studio Conferma l’Importanza Della Sorveglianza Attiva Solo Per I Soggetti a Rischio

Per i soggetti a rischio di tumore al pancreas, la sorveglianza attiva è fondamentale per individuare la malattia nelle fasi iniziali ed aumentare le possibilità di intervento chirurgico. Un recente studio condotto dall’Università di Verona in collaborazione con l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano ha analizzato l’efficacia della sorveglianza in 679 soggetti sani ma con familiarità o predisposizione genetica per il carcinoma pancreatico.

I risultati confermano l’importanza del monitoraggio solo nei soggetti a rischio

Lo studio ha evidenziato che la sorveglianza attiva dovrebbe essere riservata esclusivamente ai soggetti con predisposizione genetica e non semplice familiarità. Infatti, grazie ai controlli periodici sono stati individuati 8 adenocarcinomi pancreatici e 1 lesione pre-tumorale in persone asintomatiche. In assenza di sorveglianza, questi tumori sarebbero stati diagnosticati solo quando la malattia era ormai in fase avanzata.

Inoltre, lo screening ha permesso l’identificazione precoce di 6 tumori neuroendocrini pancreatici e altri carcinomi non pancreatici. Queste diagnosi precoci hanno senza dubbio migliorato la prognosi dei pazienti, poiché maggiore è la precocità della diagnosi, migliore è l’aspettativa di vita.

Pertanto, i risultati dello studio supportano la necessità di sottoporre a controlli regolari, tramite risonanza magnetica o ecoendoscopia, esclusivamente i soggetti con mutazioni genetiche associate ad un elevato rischio di carcinoma pancreatico. Solo in questo modo è possibile identificare lesioni tumorali o pre-tumorali in fase precoce, quando la chirurgia può offrire le migliori possibilità di cura.

Grazie Alla Sorveglianza Attiva Identificati 8 Carcinomi Pancreatici in Fase Iniziale

Uno studio recente co-guidato dall’Università di Verona e dall’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano ha identificato otto casi di carcinoma pancreatico in fase iniziale e una lesione pre- tumorale in soggetti asintomatici grazie alla sorveglianza attiva. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista The American Journal of Gastroenterology.

Lo studio ha analizzato 679 soggetti sani ad alto rischio di sviluppare un carcinoma pancreatico a causa della familiarità, ovvero con almeno due parenti affetti dalla stessa malattia, o di una predisposizione genetica, come mutazioni in BRCA1/2, PALB2, CDKN2A, ATM o geni della sindrome di Lynch. I partecipanti erano iscritti al Registro Italiano dei Soggetti a Rischio di Carcinoma Pancreatico (IRFARPC), un registro promosso dall’Associazione Italiana per lo Studio del Pancreas (AISP).

Grazie ai controlli periodici con risonanza magnetica o ecoendoscopia, lo studio ha identificato otto adenocarcinomi pancreatici, di cui cinque in portatori di mutazioni genetiche, e una lesione precancerosa in soggetti che altrimenti non avrebbero ricevuto una diagnosi fino alla comparsa dei sintomi. Sono stati inoltre individuati sei tumori neuroendocrini pancreatici, altri carcinomi non pancreatici e numerose cisti.

Secondo Salvatore Paiella, docente di Chirurgia Generale dell’Università di Verona e co-autore principale dello studio, «la diagnosi precoce può migliorare significativamente la prognosi. La chemioterapia, in combinazione con la chirurgia, rimane l’arma più importante per affrontare il carcinoma pancreatico. Le possibilità di guarigione definitiva dipendono in larga misura dallo stadio della malattia al momento della diagnosi».

Tumore al Pancreas

La Chirurgia Resta l’Arma Più Importante, Servono Centri Altamente Specializzati

La chirurgia resta l’unica opzione curativa per il tumore al pancreas. Per avere le migliori possibilità di successo, è fondamentale rivolgersi a centri altamente specializzati, che dispongano di equipe multidisciplinari con esperienza nel trattamento di questo tipo di neoplasia.

Esperienza e volumi di attività

Numerosi studi hanno dimostrato che i centri che trattano un elevato numero di pazienti affetti da tumore pancreatico ottengono risultati migliori in termini di sopravvivenza. Ciò è dovuto all’esperienza acquisita dai chirurghi e dall’équipe multidisciplinare, nonché alla presenza di percorsi diagnostico-terapeutici consolidati.

Approccio multidisciplinare

Il trattamento ottimale del carcinoma pancreatico richiede un approccio multidisciplinare che coinvolga chirurghi esperti in chirurgia pancreatica, oncologi, gastroenterologi, radiologi, patologi, nutrizionisti e psicologi. Solo un simile approccio integrato può garantire la diagnosi e lo staging più accurati, la scelta del trattamento più appropriato e la gestione ottimale delle complicanze post-operatorie.

Tecniche chirurgiche all’avanguardia

I centri di riferimento devono disporre delle tecniche chirurgiche più avanzate per l’asportazione del tumore pancreatico, come la duodenocefalopancreasectomia con conservazione del piloro (PD- PPPD), e avere esperienza anche nelle tecniche di chirurgia mininvasiva, come la chirurgia robotica. Queste tecniche permettono di ottenere risultati migliori in termini di complicanze post-operatorie e qualità di vita.

In sintesi, per massimizzare le possibilità di successo nel trattamento del tumore al pancreas è fondamentale rivolgersi a centri specializzati, con volumi di attività elevati e dotati di equipe multidisciplinari in grado di offrire un approccio personalizzato a ogni paziente.

Progetto Proph-Ita Per La Profilazione Genetica Tramite Tampone Salivare Non Invasivo

Lo studio Proph-Ita è il primo progetto al mondo che utilizza un tampone salivare non invasivo per effettuare una profilazione genetica completa nei soggetti con familiarità per carcinoma pancreatico. Questa tecnica innovativa consente di identificare mutazioni genetiche associate ad un elevato rischio di sviluppare la malattia.

I partecipanti a questo studio, coordinato dall’Università di Verona, sono arruolati tramite il Registro Italiano Soggetti a Rischio di Carcinoma Pancreatico (Irfarpc). Questo registro, promosso dall’Associazione Italiana per lo Studio del Pancreas (AISP), raccoglie informazioni su individui asintomatici con storia familiare di carcinoma pancreatico o predisposizione genetica alla malattia.

L’obiettivo principale dello studio Proph-Ita è quello di identificare le persone ad alto rischio attraverso l’analisi del DNA salivare, in modo da poterle sottoporre ad un programma di sorveglianza attiva.

Questo approccio permette di diagnosticare la malattia in fase precoce, quando le possibilità di cura sono maggiori. Inoltre, la profilazione genetica dei soggetti a rischio consente di stratificare il rischio individuale e di adattare i protocolli di sorveglianza sulla base delle caratteristiche genetiche di ciascun paziente.

Lo studio Proph-Ita rappresenta un progresso fondamentale nella lotta contro il tumore al pancreas questa grave forma di cancro e potrebbe salvare molte vite umane grazie ad una diagnosi precoce. La profilazione genetica tramite tampone salivare è una metodica non invasiva che permette di ottenere informazioni genetiche anche da soggetti che non accetterebbero prelievi di sangue. Questo approccio innovativo potrebbe rivoluzionare la prevenzione del carcinoma pancreatico e di altre malattie ereditarie.

Conclusioni

La ricerca scientifica sta facendo passi da gigante nella lotta contro il tumore al pancreas. Questo nuovo studio offre un barlume di speranza per i pazienti affetti da tumore al pancreas, una malattia subdola e difficile da diagnosticare. Sebbene siano necessari ulteriori test per confermare l’efficacia e la sicurezza di questo nuovo approccio terapeutico, la scoperta di un nuovo bersaglio molecolare e di farmaci in grado di agire su di esso è un importante passo avanti.

La strada è ancora lunga, ma ogni nuova conoscenza acquisita, ogni nuovo strumento a disposizione dei medici, è un mattoncino che si aggiunge all’edificio della speranza.

Continuate a sostenere la ricerca, sensibilizzate su queste malattie, fate prevenzione. Insieme, un passo alla volta, stiamo costruendo un futuro in cui il cancro non fa più paura. Speriamo che queste risorse possano aiutarti. Continua seguirci su FastCura Blog e iscriviti alla piattaforma FastCura

Cerca ora il professionista sanitario a Domicilio su Fastcura!

Cerca ora il professionista a domicilio nel tuo territorio!